Riforma Rc auto, i truffatori lieti dell’amnesia del governo

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO! Inserisci EMAIL e clicca INVIA

Ancora una volta il governo Renzi conferma un suo modo di fare migliorabile. Cioè: fa una cosa giusta, ma – per la fretta o per una sorta di superficialità – la fa parziale, rabberciata, e congegnata quasi come se i suoi stessi autori volessero vanificarne gli effetti potenzialmente positivi. È il caso della nuova normativa sulla Rc auto, il tipo di polizze più diffuso e più odiato d’Italia (essendo obbligatoria, sembra una tassa) che da noi è decisamente più caro di quanto sia all’estero. Da sempre, gli assicuratori spiegano questo caro-polizza sventolando le inequivocabili statistiche sul numero di sinistri, esorbitante, in Italia, rispetto alle medie europee; soprattutto dei sinistri di piccola e media gravità, con indennizzi sotto i 2-3 mila euro, sui quali fare causa contro l’assicurato sospetto di voler imbrogliare rischia di rivelarsi, per la compagnia, più oneroso che pagare un indennizzo di dubbia legittimità. Secondo gli assicuratori, insomma – e la loro associazione Ania – il caro-polizze deriva essenzialmente dalle troppe truffe. Ebbene, il nuovo schema di legge sulla concorrenza impone l’adozione obbligatoria (con connesso sconto obbligatorio) a tutti gli automobilisti della cosiddetta «scatola nera», che registra accelerazioni, decelerazioni e traiettorie dei veicoli. Se quindi qualcuno lamenta […]

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO! Inserisci EMAIL e clicca INVIA

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO! Inserisci EMAIL e clicca INVIA

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *