Nuovo Codice Appalti, l’assicurazione rischi vale come requisito invece del fatturato

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO! Inserisci EMAIL e clicca INVIA

Secondo le linee guida per il Nuovo Codice Appalti licenziate dall’Anac e utilizzabili, i progettisti, per provare i requisiti di capacità economica e finanziaria nelle gare di progettazione, possono esibire alle stazioni appaltanti che lo chiedono un’assicurazione contro i rischi professionali . È questa la novità più importante delle linee guida dell’Anac sui servizi di architettura e ingegneria. Clicca qui per scaricare le linee guida Nella legislazione in vigore non ci sono specifiche che riguardano i requisiti economico finanziari . L’Anac dà però alcune indicazioni e spiega che il fatturato globale per servizi di ingegneria e di architettura può essere richiesto per un importo massimo pari al doppio dell’importo a base di gara. Invece di portare in dote il proprio reddito degli ultimi anni, i progettisti potranno esibire una polizza. La richiesta di inserire questa previsione era arrivata direttamente dal documento di consultazione della Rete delle professioni tecniche. Ragionamento simile viene fatto per i requisiti di personale richiesti ai soggetti organizzati in forma societaria e ai professionisti organizzati in forma associata: dovranno avere un numero medio annuo del personale tecnico utilizzato negli ultimi tre anni «in una misura proporzionata alle unità stimate nel bando per lo svolgimento dell’incarico e, […]

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO! Inserisci EMAIL e clicca INVIA

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO! Inserisci EMAIL e clicca INVIA

Rc professionali: un ampio universo di coperture.

Rc professionali: un ampio universo di coperture.

Le compagnie assicurative propongono un gran numero di soluzioni, data la considerevole presenza di acquirenti e la consistenza del patrimonio da assicurare. Sempre più utilizzati i comparatori on line per cercare la soluzione più adatta. Entro il 2017 il mercato dell’Rc professionale avrà un valore di oltre 7 miliardi di euro. Le stime sono quelle rese note da Finaccord, societá londinese che si occupa di ricerca di mercato, consulenza ed editoria. L’analisi ha messo a confronto 1.000 associazioni professionali in 10 Paesi europei, tra cui troviamo Italia, Francia, Germania, Paesi Bassi, Polonia, Spagna e Regno Unito. In questi ultimi anni il mercato europeo delle polizze riservate ai professionisti è cresciuto positivamente. In Italia, lo ricordiamo, la sottoscrizione della polizza a responsabilità civile professionale, resa obbligatoria dalla riforma delle professioni, normata dal D.P.R. 137/2012- 14/08/2012, fornisce al professionista una garanzia specifica preservandolo da eventuali richieste di danno causate a terzi per errori, omissioni, negligenza professionale al pari delle responsabilità diretta conseguenza di specifici contratti. In Italia il ramo assicurativo, dedicato ai professionisti, ammonterebbe a più di 300 milioni di euro, senza contare l’area medica. Parliamo di un vero e proprio “universo di coperture, spesso molto diverse le une dalle altre”. […]

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO! Inserisci EMAIL e clicca INVIA

Rc professionali: l’obbligatorietà della sottoscrizione per l’area medica ribadita dal ddl Gelli COMMENTA

Rc professionali: l’obbligatorietà della sottoscrizione per l’area medica ribadita dal ddl Gelli COMMENTA

Scritto da: Redazione Notizie.it Le assicurazioni Rc professionali considerano la copertura del patrimonio contro i rischi corsi nell’esercizio dell’attività da parte dei professionisti, iscritti ad un Albo o registro L’obbligo di sottoscrizione di una polizza assicurativa da parte delle strutture sanitarie e dei medici era già parte integrante della legge 189 del 2012, ma oggi viene ribadito a chiare lettere dall’articolo 10 del ddl Gelli, il disegno di legge di riforma della responsabilità medica , ancora in fase di discussione sugli scranni del Parlamento. In base alle nuove norme le imprese appartenenti al servizio sanitario nazionale, così come gli enti privati operanti in regime autonomo, dovranno sottoscrivere obbligatoriamente polizze assicurative per la Rc verso terzi e prestatori d’opera per i danni procurati dal personale, anche nel caso in cui si tratti di prestazione di attività in regime di libera professione svolta all’interno della struttura o con diagnosi a distanza. Da una lettura attenta dell’articolo 10 è facile intuire che “la garanzia assicurativa è estesa anche agli eventi accaduti durante la vigenza temporale della polizza e denunziati dall’assicurato nei cinque anni successivi alla scadenza del contratto assicurativo”. Le compagnie assicurative in realtà possono estendere l’operatività della garanzia assicurativa anche a […]

FAI SUBITO UN PREVENTIVO GRATUITO! Inserisci EMAIL e clicca INVIA

Calcola l’assicurazione per geometri più conveniente con Polizzamigliore.it

Calcola l'assicurazione per geometri più conveniente con Polizzamigliore.it

Assicurazione Geometri Geometri RC : tutelare la propria professionalità Il geometra esercita una professione tecnica, che comporta un’attività tanto complessa (vedi art. 16 R.D. n. 274/1929) quanto rischiosa. Per questo motivo, è sempre consigliabile stipulare un’ assicurazione geometri che tuteli l’operatore da eventuali richieste danni avanzate dai clienti. La soluzione proposta è pertanto la stipula di una polizza onnicomprensiva, volta a fugare ogni dubbio e a dare al geometra quella certezza necessaria per consentirgli di espletare la professione in un clima sereno e produttivo. Le attività rientranti sotto la copertura assicurativa sono così tutte quelle consentite dalla legge e dai regolamenti che disciplinano l’esercizio della professione. A chi si rivolge la polizza geometri? L’ assicurazione (obbligatoria da agosto 2013) copre sia il libero professionista, sia gli studi associati, ma anche le società di professionisti e le associazioni di settore. così, la polizza geometri copre anche i soci o i partners associati, persino prima della stipula e durante la validità del contratto Che cosa copre la RC Geometri ? Tutte le perdite generate da richieste danni conseguenti ad errori commessi nell’espletamento delle attività consentite dalla legge. A titolo esemplificativo, vengono garantite le seguenti attività: consulenza ecologica ed ambientale; accertamento della […]

Il mercato assicurativo delle polizze per i medici

Il mercato assicurativo delle polizze per i medici

Alcune categorie professionali sono tenute per legge a sottoscrivere una polizza assicurativa per tutelare se stessi, le proprie attrezzature e soprattutto i propri clienti o pazienti. È il caso dei medici, per i quali è molto importante avere ed offrire delle tutele ai pazienti che curano sottoscrivendo una polizza d’assicurazione adeguata. A stabilire l’obbligatorietà dell’assicurazione per i professionisti è il Decreto Legislativo 137/2012: “Il professionista è tenuto a stipulare, anche per il tramite di convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti, idonea assicurazione per i danni derivanti al cliente dall’esercizio dell’attività professionale, comprese le attività di custodia di documenti e valori ricevuti dal cliente stesso. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell’assunzione dell’incarico, gli estremi della polizza professionale, il relativo massimale e ogni variazione successiva.” , come possono spiegare anche gli esperti di Mio Assicuratore, l’innovativo progetto di comparazione polizze Rc professionali online. È l’ordine professionale di appartenenza a verificare ed eventualmente sanzionare chi non rispetta la normativa vigente. I medici che operano in libera professione o hanno uno studio privato hanno a disposizione diverse opzioni assicurative che possono essere stipulate singolarmente o sottoscrivendo una polizza collettiva assieme agli altri medici […]

PROFESSIONI E PROFESSIONALITA’

PROFESSIONI E PROFESSIONALITA'

  🕔 📥 1 L’editoriale del numero 35 di giugno 2016, a cura del Direttore Maria Rosa Alaggio Parlare di competenze professionali può risultare un esercizio a rischio banalità, un argomento in cui troppi soggetti ormai si cimentano con dissertazioni intorno al valore del termine consulenza, e con commenti sull’evoluzione di conoscenze da riqualificare o da acquisire per affrontare i cambiamenti del mercato. Il settore assicurativo, a differenza di molti altri, sconta oggi il peso di un passato non certo contraddistinto da dinamismo e proattività commerciale, organizzativa, tecnologica. L’assicurazione ha, da sempre, fondato il suo business sulle capacità tecniche. Ma la situazione è cambiata e le compagnie, i canali distributivi e le associazioni di categoria, da tempo, si stanno confrontando con le tante novità che le riguardano. La spinta, ancora una volta, arriva da provvedimenti legislativi e da una intensa attività della Vigilanza, a livello europeo e nazionale. Adeguarsi alle normative è un’attività costante per il settore, che pesa in termini di investimenti, tempo e abilità da far evolvere. Tra le tante misure introdotte da Solvency II, per esempio, pensiamo a quanto viene richiesto alle compagnie in termini di controllo non solo delle procedure adottate, ma anche delle […]

Assicurazione avvocati obbligatoria dal 2017: a cosa serve e quali danni copre

Assicurazione avvocati obbligatoria dal 2017: a cosa serve e quali danni copre

Riforma Forense: a partire dal prossimo anno ogni avvocato sarà obbligato a stipulare due polizze assicurative differenti. Ecco quali danni coprono e quanto è il massimo risarcibile. Assicurazione avvocati : a cosa serve? A partire dal prossimo anno gli avvocati saranno obbligati a stipulare una polizza assicurativa . Infatti, nei prossimi giorni il Ministero della Giustizia emanerà un decreto che attua quanto previsto dalla riforma forense , entrata in vigore circa 3 anni fa, introducendo l’obbligo di assicurazione per gli avvocati. In realtà gli avvocati non dovranno stipulare una sola polizza assicurativa, ma due . Infatti, una è per la copertura della responsabilità civile derivante dall’esercizio della professione, mentre l’altra copre da eventuali infortuni. Vediamo nel dettaglio a cosa serve la nuova assicurazione avvocato che sarà obbligatoria dal prossimo anno, o al massimo nel 2018, quali danni copre e a quanto ammonta il massimo risarcibile . Assicurazione avvocati: copertura della responsabilità civile La prima tipologia di assicurazione che ogni avvocato sarà obbligato a stipulare è quella che copre da eventuali responsabilità civili derivanti dall’esercizio delle propria professione. Come specificato dalla bozza del decreto che è stata inviata dal Ministero della Giustizia al CNF , questa polizza assicurativa coprirà diverse […]

Assicurazione casalinghe

Assicurazione casalinghe

Inail con te. L’assicurazione a basso costo che ti protegge e le differenze rispetto alla polizza vita INAIL , l’Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro, tutela con la formula assicurazione casalinghe tutti i soggetti che svolgono attività nell’ambito delle mura domestiche senza vincoli di subordinazione. Il risarcimento garantito, riguarda gli infortuni che avvengono in casa, a differenza delle assicurazioni vita che proteggono e risarciscono in modo completo diversi rischi. Vediamo quindi quali sono le principali differenze tra polizza INAIL e polizza vita. Cosa copre assicurazione casalinghe INAIL Con la Legge n° 493/1999 è stata istituita l’obbligatorietà dell’ assicurazione casalinghe INAIL contro gli infortuni in ambito domestico per i seguenti soggetti: coloro i quali hanno un’età compresa tra i 18 e i 65 anni compiuti; che svolgono il lavoro per la cura dei componenti della famiglia e della casa; che non sono legati da da vincoli di subordinazione mediante contratto (ex. colf o badanti); che prestano lavoro domestico in modo abituale ed esclusivo. Con riferimento alla formula assicurazione casalinghe INAIL , per “ambito domestico” si intende l’abitazione e le relative pertinenze (soffitte, cantine, giardini, balconi) dove risiede il nucleo familiare dell’assicurato. Se l’immobile fa parte di un condominio , si considerano […]

Assicurazioni: meglio se etiche

Assicurazioni: meglio se etiche

Oltre 360mila volontari e utenti assicurati nel Terzo settore fanno capo al Caes, il Consorzio Assicurativo Etico Solidale che in Italia rappresenta un punto di riferimento per il mondo del volontariato e per tutti coloro che dalle scelte etiche non vogliono prescindere. Il Consorzio Assicurativo Etico Solidale è ormai in Italia una realtà affermata nel campo delle assicurazioni etiche e ha avuto un vero e proprio boom nel Terzo settore consentendo a molte attività e gruppi di avere una base assicurative che rispetta i principi fondamentali ispiratori del mondo del volontariato e della solidarietà. «Il riscontro più significativo della pluriennale inclinazione di CAES per il Terzo Settore è il numero complessivo di volontari assicurati: 322.216 nel 2014 e 44.124 utenti soci di associazioni ricreative e di promozione sociale» spiega Gianni Fortunati, presidente e direttore di CAES. «Secondo l’ISTAT, il numero di persone in Italia che nel 2011 hanno svolto attività di volontariato è pari a 4.758.622, pertanto CAES assicura il 6,9% dei volontari italiani. Nel 2015 il 73% delle polizze è stato pensato ad hoc a favore di famiglia e Terzo Settore. Su un totale di circa 6000 polizze stipulate nel 2015, il 52,56% è stato sottoscritto da enti […]